Elenchiamo di seguito le domande e le richieste che riceviamo più di frequente (sia al sito generale korea-dpr.com che a quello della KFA-Italia), con la relativa risposta. Alcuni di questi argomenti sono approfonditi nelle sezioni “Corea: cultura e storia” e “La Corea contemporanea”, che consigliamo di consultare..
Ricordiamo inoltre che a disposizione dei membri della KFA c’è un forum di discussione, per confrontarsi sui più vari argomenti o ricercare dei topic specifici attraverso la funzione di ricerca (in lingua inglese).

1. E’ possibile avere una foto autografata del Leader Kim Jong Il?
2. Si possono avere pen friends nella RPDC?
3. Posso emigrare e vivere in Corea del Nord?
4. Posso lavorare in Corea del Nord come insegnante/interprete/altro?
5. E’ possibile viaggiare in Corea del Nord?
6. Sono un giornalista/reporter e vorrei girare un documentario nella RPDC: è possibile?
7. Posso viaggiare in Corea del Nord da “backpacker”?
8. Ho sentito che in Corea del Nord si soffre la fame. Com’è la situazione alimentare?
9. Vorrei sapere perché la Corea del Nord si è dotata di armi nucleari.
10. Cosa dicono i nordcoreani a proposito del disarmo nucleare?
11. La Corea del Nord è una dittatura?
12. La Corea del Nord vieta la religione?
13. I cittadini nordcoreani possono viaggiare all’estero?
14. E’ vero che l’economia della RPDC è al collasso?
15. E’ vero che i nordcoreani sono poverissimi?
16. La Corea del Nord è un paese “stalinista”?
17. E’ vero che la Corea del Nord ha avviato delle riforme capitalistiche?
18. Com’è vista l’omosessualità in Corea del Nord?
19. E’ vero che il Partito del Lavoro di Corea ha abbandonato il marxismo-leninismo?
20. Quali cambiamenti sostanziali sono stati apportati nel 2009 alla Costituzione della RPDC? E’ vero che non vi è più menzionato il comunismo?


1. E’ possibile avere una foto autografata del Leader Kim Jong Il?
Questo articolo può essere acquistato nel negozio online della KFA, alla pagina www.korea-dpr.com/catalog2
torna alle domande

2. Si possono avere pen friends nella RPDC?
Ovviamente, si possono avere dei pen friends in Corea del Nord, inviare e ricevere corrispondenza a e da cittadini nordcoreani.
La KFA non provvede a questo servizio.

torna alle domande

3. Posso emigrare e vivere in Corea del Nord?
E’ possibile, ma solo in situazioni particolari e con motivazioni valide.
torna alle domande

4. Posso lavorare in Corea del Nord come insegnante/interprete/altro?
No, non è possibile, fatta eccezione per gli scambi bilaterali o per gli accordi istituzionali.
torna alle domande

5. E’ possibile viaggiare in Corea del Nord?
Si può viaggiare in Corea del Nord sia da turisti che in delegazione, su invito del Governo o delle sue istituzioni.
Vedi la sezione “Viaggiare in Corea” per ulteriori informazioni.

torna alle domande

6. Sono un giornalista/reporter e vorrei girare un documentario nella RPDC: è possibile?
E’ possibile, per ulteriori dettagli o richieste potete contattarci.
torna alle domande

7. Posso viaggiare in Corea del Nord da “backpacker”?
No, è possibile soltanto viaggiare in gruppo, o comunque -in caso di unico partecipante- è previsto l’accompagnamento di guide coreane.
torna alle domande

8. Ho sentito che in Corea del Nord si soffre la fame. Com’è la situazione alimentare?
Non è un segreto che nella metà degli anni ’90 del secolo scorso la Corea del Nord ha vissuto un periodo difficile, causato dal collasso del mercato costituito dai paesi socialisti dell’est europeo e dall’embargo e dalle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Sono anche da aggiungere dei disastri naturali, come le alluvioni. Questo periodo viene comunemente chiamato dai coreani “Ardua Marcia”. Attorno al 2000, la crisi risultava già completamente superata.
torna alle domande

9. Vorrei sapere perché la Corea del Nord si è dotata di armi nucleari.
Nel 2002 la Corea del Nord ritirò la sua adesione al Trattato di non Proliferazione Nucleare poiché gli Stati Uniti non realizzarono gli impegni presi, compensando l’adesione coreana al Trattato - che comportava il blocco della produzione di energia nucleare - con la fornitura di due reattori ad acqua leggera.
Nell’ottobre 2008, dopo che le autorità coreane decisero di riprendere le attività nucleari nella centrale di Yongbyon, precedentemente dismessa, sempre per via del mancato rispetto dei patti da parte statunitense, sono stati raggiunti nuovi accordi per cui all’impegno nordcoreano di far entrare ispettori nel paese e bloccare la produzione delle centrali deve corrispondere una adeguata compensazione da parte degli altri paesi membri del “tavolo a sei”.
Per quanto riguarda le armi nucleari, esse sono intese dai nordcoreani come dei deterrenti, data la massiccia presenza di armi nucleari USA nel sud della penisola.

torna alle domande

10. Cosa dicono i nordcoreani a proposito del disarmo nucleare?
La Repubblica Popolare Democratica di Corea vuole, e lo ha richiesto più volte nelle sedi internazionali, che la penisola sia liberata dalle armi nucleari e ritiene che questo possa essere raggiunto solo attraverso colloqui con gli USA e con la firma, da parte americana, di un trattato di non aggressione: in breve, si richiede la fine delle politiche ostili americane.
torna alle domande

11. La Corea del Nord è una dittatura?
La Corea del Nord non è una dittatura, è una democrazia costituzionale dove il popolo è unito e che garantisce libertà di espressione e di assemblea a tutti i cittadini.
I cittadini della RPDC hanno un ruolo attivo nella vita politica nazionale, a tutti i livelli, attraverso le unioni dei lavoratori, attraverso la militanza nei partiti politici, ed anche scegliendo i candidati alle elezioni o gestendo nei vari comitati la vita delle fabbriche e più in generale dei luoghi di lavoro.

torna alle domande

12. In Corea del Nord la religione è vietata?
La società della RPDC è una società multiconfessionale, con - ad esempio - una numerosa comunità cristiana ed una buddista. Anche se la maggior parte dei nordcoreani è non religiosa o atea, tutti i cittadini godono della libertà religiosa garantita dalla Costituzione Socialista.
torna alle domande

13. I cittadini nordcoreani possono viaggiare all’estero?
Nonostante siano note le accuse al riguardo, i cittadini della Corea del Nord godono della piena libertà di viaggiare all’estero.
Molti cittadini nordcoreani viaggiano all’estero, per vari motivi: scientifici, educativi, linguistici, religiosi, per fiere o ricerche ecc..
Ci sono inoltre migliaia di cittadini della RPDC che vivono all’estero, soprattutto in Cina e Giappone.

torna alle domande

14. E’ vero che l’economia della RPDC è al collasso?
Al contrario, la Repubblica Popolare Democratica di Corea ha attualmente un’economia altamente produttiva e diversificata con fiorenti industrie che producono automobili, computer, software, elettronica, abbigliamento e prodotti tessili, beni alimentari e così via. Anche se tradizionalmente è stata l’industria pesante al centro dell’economia coreana, adesso sta prendendo piede l’industria leggera.
torna alle domande

15. E’ vero che i nordcoreani sono poverissimi?
Considerando gli standard internazionali, i cittadini nordcoreani godono di un alto livello di vita. Nella Corea Socialista, lo Stato garantisce a tutti un’assistenza sanitaria qualificata, educazione gratuita (la RPDC è tra i paesi col più alto tasso di alfabetizzazione: 99%, secondo fonti USA), stipendio per i disabili, pensioni ed accesso per tutti alle strutture di divertimento e ricreazione e così via.
A differenza di moltissimi altri paesi, inclusi i ricchi paesi capitalisti, in Corea del Nord non esistono la disoccupazione, il fenomeno dei senzatetto, la prostituzione, la criminalità, la fame.

torna alle domande

16. La Corea del Nord è un paese “stalinista”?
Il termine “stalinista” è usato frequentemente non come un termine descrittivo, ma con accezione denigratoria. Il sistema politico della Repubblica Popolare Democratica di Corea è basato sull’Idea del Juché, una teoria originale sviluppata dal Presidente Kim Il Sung incentrata sull’autosufficienza nazionale e sullo sviluppo in accordo con le caratteristiche di ogni singola nazione. D’altra parte invece, il pensiero di Stalin era articolato come una ideologia politica di tipo universale.
La RPDC è certamente uno stato socialista, ciò significa che tutti i mezzi di produzione sono di proprietà collettiva.

torna alle domande

17. E’ vero che la Corea del Nord ha avviato delle riforme capitalistiche?
Anche se i cosiddetti “esperti” evocano spesso la comparazione tra la Corea del Nord attuale e la “Cina degli anni ’80”, si tratta di un errore. L’economia della RPDC è una economia socialista pianificata e centralizzata e non sussiste nessuna intenzione di abbracciare il modello di sviluppo capitalista.
torna alle domande

18. Com’è vista l’omosessualità in Corea del Nord?
Essendo un paese che ha abbracciato la scienza ed il razionalismo, la RPDC riconosce che nascono individui con l’omosessualità come tratto genetico e quindi questi vengono trattati col dovuto rispetto, come ogni altro cittadino.
Gli omosessuali nella RPDC non hanno mai subito repressioni, a differenza di altri paesi. I nordcoreani prestano molta attenzione all’armonia sociale ed alla morale, di conseguenza diversi aspetti della cultura gay diffusi in occidente che vengono percepiti nell’alveo del consumismo, del classismo o della promiscuità sono rifiutati.
Per via della tradizione e della cultura coreana, non è costume - per gli individui di qualsiasi orientamento sessuale - scambiarsi effusioni in pubblico.

torna alle domande

19. E’ vero che il Partito del Lavoro di Corea ha abbandonato il marxismo-leninismo?
Anche in questo caso, si tratta di disinformazione se non addirittura di malafede. Il Juche, creato da Kim Il Sung, è un’idea socialista che ha tra le sue fonti il marxismo-leninismo. Il Juche è l’ideologia che orienta tutti gli aspetti della vita politica, sociale ed economica del Paese, ed è una filosofia originale, non si tratta dunque di uno sviluppo delle teorie rivoluzionarie precedenti.
Per approfondire questo aspetto, rimandiamo alle sezioni “La Corea contemporanea” e “Libri”.
torna alle domande

20. Quali cambiamenti sostanziali sono stati apportati nel 2009 alla Costituzione della RPDC? E’ vero che non vi è più menzionato il comunismo?
Le recenti modifiche alla Costituzione coreana, che già in passato è stata modificata (clicca qui) in base alle esigenze e alle trasformazioni della società e del contesto internazionale, non implicano nessun cambiamento nella politica del Paese. Si tratta di una revisione pragmatica, coerente con la stessa dottrina del marxismo-leninismo classico. Il riferimento al marxismo-leninismo invece non era presente neanche nella precedente Costituzione del 1998.
torna alle domande